top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreAndreas Perugini

Evento speciale: Il Testimone

Aggiornamento: 28 mar

venerdì 12 aprile h20:00, sala Videodrome, via Roen 6, Bolzano




(Russia 2023) Un film di David Dadunashvili con Karen Badalov.


Proiezione in collaborazione con Democrazia Sovrana e Popolare con l'intervento di Vincenzo Lorusso giornalista Donbass-Italia e Andrea Lucidi

IL FILM RUSSO SULLA GUERRA IN UCRAINA CHE FA TANTO DISCUTERE E CHE, SOPRATTUTTO, FA SCATTARE LE CENSURE ILLEGALI DEI SEDICENTI DEMOCRATICI 

sala VIDEODROME, via Roen 6 - Bolzano (dietro l’Asilo Bambi)

Inizio h 20:00. Ingresso dalle ore 19:30 riservato ai soci Cineforum e ai tesserati DSP. 


Tesseramento presso la sede prima della proiezione o online: www.cineforum.bz.it


Consigliata prenotazione: prenotazioni@cineforum.bz.it 


Posti riservati fino alle 19:45.


-----


Il film denuncia la censura, lo stravolgimento della realtà, la propaganda a senso unico, la cancellazione della Storia, la denigrazione dei Testimoni della Verità. Per questo fa paura, apre il vaso di Pandora. Ed è proprio per questo che viene censurato, stravolto, denigrato. Il re è nudo.

Il Testimone è un film prodotto in Russia nel 2023, scritto da Sergej Volkov e diretto da David Dadunashvili.

“The Witness (Il Testimone) fa flop al botteghino”. Così, copia incolla, senza aver mai visto l’opera cinematografica, ma anche senza alcun riscontro, da Rainews a Open, i dispacci di regime si sentono in dovere di sottolineare (non richiesti) il “flop della propaganda anti ucraina”, a volte parlando di un documentario a volte di un lungometraggio, molto raramente di un film.

Non sanno, forse, che si tratta a tutti gli effetti di un film, cioè di un soggetto scritto e sceneggiato, musicato e recitato da attori, mai spacciato per documentario?

E, soprattutto, perché si affannano tanto a boicottare e dichiarare fallita un’opera cinematografica che è stata proiettata per la prima volta in Italia, a Roma, il 22 ottobre e, ad oggi, solo attraverso circuiti alternativi, in piccole salette noleggiate, su iniziativa del Comitato Italiano per il Donbass, con ostacoli di ogni tipo, pressioni politiche bipartisan, censura, divieto di distribuzione nelle sedi istituzionali?

Fa così paura questo film?

Io ho avuto il privilegio di vederlo a Roma, nella saletta del teatro Flavio, con la presentazione dell’attore protagonista, che ha voluto manifestare il suo grande amore per l’Italia.

Karen Badalov, attore principale, ha infatti registrato questo videomessaggio per il pubblico Italiano presente nella sala che potete rivedere qui. Il video è pubblico, si trova sui canali Telegram di Donbass Italia, in quelli dedicati al film e sui canali informativi dei reporter Andrea Lucidi e di Vincenzo Lorusso.

Lo stesso Lorusso si è collegato online dalla zona di Luhans’k per rispondere alle domande del pubblico e ha precisato ulteriormente che il film “Il Testimone”, prodotto col patrocinio del Ministero della Cultura Russo, in russo e in inglese, sottotitolato in italiano, è, appunto, un film, una storia inventata, che spinge alla riflessione, al confronto, al dibattito.

Ma veniamo brevemente alla trama.

Il protagonista è un violinista belga, di fama internazionale, Daniel Cohen, che si trova a Kiev proprio nel febbraio del 2022 per esibirsi, quando, improvvisamente, lui ignaro di qualsiasi questione geopolitica, viene catapultato nel caos più assoluto, non riesce a mettersi più in contatto con l’ambasciata, inizia a vivere l’orrore della fuga verso la frontiera insieme a migliaia di donne, bambini, giovani ucraini che cercano di mettersi in salvo tra violenze gratuite e stupri, corruzione, fame, freddo, impossibilità di comunicare e civili che vengono sotto i suoi occhi armati fino ai denti.

La figura del violinista è quella di un artista, un uomo non giovane che cerca di sopravvivere aggrappandosi alla sua capacità di suonare anche per il battaglione neonazista, filo hitleriano, non kantiano, che lo prende prigioniero.

Come nei campi di concentramento nazisti, lui, ebreo come il suo omonimo direttore d’orchestra, cerca di salvarsi rivestendo la funzione di intrattenitore di un manipolo di personaggi rozzi e ignoranti che esercitano il potere della paura, bevendo, drogandosi, divertendosi.

Ma il film non è un film violento, non concede spazi alla cruda realtà dell’orrore e della violenza inutile, inspiegabile, ingiustificabile, com’è la violenza della guerra.

Di tutte le guerre.

La sfiora, tra scenografie impressioniste e colonna sonora di elevatissima qualità, soffermandosi su un volto di un bambino, un dolore muto, un’assenza, una frase, una carezza dell’anima, un vuoto di tempo e di spazio.

“Un capolavoro”, hanno gridato in sala con un applauso lunghissimo.

È arte: e l’arte è universale, trascende la propaganda. Daniel Cohen sarebbe potuto essere ovunque e in ogni tempo. Lui si salva, intuisce la trappola, il sacrificio, cui era destinata l’intera popolazione del paesino ostaggio dei neonazisti, perché fosse messo in scena un atroce attacco russo.

L’epilogo, il finale, è, secondo me, la chicca che fa de “Il Testimone” un film da non perdere. L’illustre e famosissimo violinista belga viene invitato, naturalmente, dalle televisioni europee a raccontare la sua drammatica esperienza. È il testimone. Ma quando prova a raccontare la verità alla TV belga….

239 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Papà

Comments


bottom of page